Avvio Semplice Europeo

Vi spiego come fare ad avviare le maglie per un lavoro ai ferri con il metodo semplice europeo. Questo metodo è quello più utilizzato soprattutto perchè, una volta presa la mano, diventa molto veloce caricare tutte le maglie. Inoltre crea una cordicella di maglie sul fondo del lavoro, molto carina e ordinata.

Potete vedere anche il mio video a questo link

L’unico limite a questo metodo è il fatto che va calcolata la quantità di filo da lasciare sul codino per poter caricare tutte le maglie necessarie ad un lavoro.
Se le maglie sono molte infatti, finchè non avremo fatto molta esperienza, ci troveremo spesso a dover disfare e ripartire perchè non ci basta il filo.

Come calcolare quanto ne serve? 

Davvero difficile, molti dicono di calcolare almeno 3 volte la lunghezza del lavoro finito ma non sempre è così semplice. 

Dovrete rassegnarvi a disfare tutto se non vi basta il codino o sprecare filato se è troppo lungo.

Inoltre questa tecnica di avvio vale solo per l’inizio di un lavoro. Se dobbiamo avviare a nuovo delle maglie durante la lavorazione, dovremo necessariamente utilizzare altre tecniche.

Ma iniziamo…

Lasciamo quindi un codino lungo abbastanza per caricare le nostre maglie e facciamo un cappio (se non sai come fare un cappio di avvio, clicca qua).
Carichiamo il cappio sul ferro destro e posizioniamo bene i due fili in modo da non confonderli.
Mettiamo il gomitolo in alto e il codino verso di noi. (Clicca sulle foto per ingrandirle)

  1. Con la mano sinistra, rivolgiamo il palmo verso il basso e prendiamo il filo del codino tra pollice e indice.
  2. Ruotiamo il palmo verso l’alto passando sotto il filo che va al ferro. Manteniamo la tensione del filo senza tirare troppo.
  3. Ruotiamo nuovamente il palmo verso il basso mantenendo bene in tensione il filo.
  4. Adesso, piegando leggermente il polso, passiamo nuovamente sotto il filo che va al ferro e riportiamo il palmo verso l’alto. Ricordiamoci di mantenere sempre ben in tensione il filo stringendolo tra il pollice e l’indice.

A questo punto avremo due fili sopra il palmo della mano sinistra come vedete in foto.

  1. Con la punta del ferro entriamo sotto il filo più in alto verso la punta delle dita
  2. Con la mano destra prendiamo il filo che viene dal gomitolo e lo facciamo passare sotto la punta del ferro da destra verso sinistra e poi lo riportiamo verso destra passando sopra il ferro
  3. Adesso facciamo passare il filo più in alto, sopra la punta del ferro lasciandolo cadere
  4. Tiriamo  bene il filo assicurandoci che si formi un nodino sotto il ferro e una maglia sul ferro.

In questo modo abbiamo caricato una maglia… più facile e veloce da fare che da spiegare….

Ripetiamo tutti questi movimenti per caricare il numero di maglie necessario alla lavorazione. Vi assicuro che una volta presa la mano e capiti bene i movimenti, il processo è velocissimo.

Vi metto un riepilogo fotografico del processo e se non riuscite potete vedere il mio video a questo link

Esistono moltissimi altri modi per avviare un lavoro ai ferri, a questo link trovi un riepilogo dei vari tipi di avvio.

Seguimi su:

Potrebbero interessarti anche...

4 risposte

  1. 27 Novembre 2019

    […] Ai seguenti link trovate le mie pagine con la spiegazione dell’avvio delle maglie:Tecnica Europea e Tecnica Continentale A me piace variare quando lavoro ai ferri, in questo modo il lavoro scorre […]

  2. 29 Novembre 2019

    […] spiegazione.Ai seguenti link trovate le mie pagine con la spiegazione dell’avvio delle maglie:Tecnica Europea e Tecnica ContinentaleHo lavorato la parte del polsino con uno dei punti che ho utilizzato nella […]

  3. 12 Dicembre 2019

    […] di maglie avviate e ricominciare dall’inizio perchè non ci basta il filo… A questo link trovate il mio tutorial fotografico e il link al video per imparare questa tecnica con il metodo […]

  4. 7 Ottobre 2020

    […] il mio video a questo link Il risultato è leggermente diverso da quello che si ottiene con il metodo semplice. Crea un bordo forse, un po’ più rigido e meno ordinato ma ha il grandissimo pregio di non […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.