Ferri Accorciati con Gettato Yarn Over Short Rows

Ecco una prima tecnica per fare i ferri accorciati su un lavoro a maglia. Con questa tecnica faremo dei gettati che poi elimineremo nel giro di ritorno. Questa tecnica si chiama “Ferri accorciati con Gettato” o “Yarn Over Short Rows” e negli schemi inglesi è abbreviata con YO. 


Esistono molte altre tecniche per effettuare i ferri accorciati e le potete trovare a questo link .

Vi spiego come fare sia sui ferri lineari che su quelli circolari: la lavorazione sarà la stessa fino al giro finale del rovescio. 

Si lavora su ferri di andata e ferri di ritorno. Nei ferri di andata faremo i ferri accorciati e su quelli di ritorno recupereremo tutte le maglie, eliminando i gettati, per tornare a lavorare normalmente e con le stesse maglie iniziali.
 
Si possono effettuare su un lato solo o su entrambi i lati del lavoro, io vi spiego come fare a farli su entrambi i lati (dritto e rovescio del lavoro), ovviamente voi seguite le indicazioni dello schema che state seguendo.
 
Giri di andata
Per farle sul dritto, si lavora normalmente il dritto fino al punto indicato dallo schema per il ferro accorciato e poi si volta il lavoro. Prima di iniziare a lavorare il rovescio, si fa un gettato (Foto 1)

Foto 1

 

Foto 2
 
e poi si prosegue a lavorare normalmente il rovescio (Foto 2) fino al punto dove dovremo fare ancora un ferro accorciato. Il lavoro si presenterà con un buco seguito dal gettato come vedete nella Foto 3.

 

Foto 3
 
A questo punto si gira nuovamente il lavoro e prima di iniziare a lavorare il dritto si fa un gettato (Foto 4) e si poi si prosegue con il dritto. Anche su questo lato vedremo un buco nel lavoro seguito dal gettato (Foto 5).
 
Foto 4

 

Foto 5


Continueremo quindi a fare così per tutte le volte che lo schema lo richiede.


Giri di Ritorno
Adesso vediamo come fare i giri di ritorno, recuperare cioè tutte le maglie per continuare il normale lavoro.

 

Inizieremo recuperando tutte le maglie sul dritto del lavoro. Ci fermiamo in modo da avere la maglia prima e quella dopo il buco (Foto 6) che si è formato nel lavoro (queste maglie saranno il gettato e la normale maglia dopo il ferro accorciato). Lavoriamo quindi insieme a dritto queste due maglie (Foto 7) in modo da chiudere il buco e tornare con l’iniziale numero di maglie prima di fare il gettato. Continuiamo così per tutto il ferro in modo da chiudere tutti i gettati con la maglia che segue e arrivare alla fine del ferro. A questo punto dobbiamo fare una distinzione tra lavoro in lineare e lavoro in circolare.

 

Foto 6
Foto 7
 

Se stiamo lavorando in circolare, continueremo la nostra lavorazione in circolare e ci troveremo quindi sopra le maglie gettate (ovviamente se abbiamo fatto ferri accorciati anche sul rovescio) da chiudere sul lato destro del lavoro. Ci si presenteranno al contrario di quelle appena chiuse sul lato sinistro in quanto il gettato sarà dopo il buco. Le chiuderemo comunque nello stesso modo e cioè lavorando insieme a dritto le due maglie a cavallo del buco (in questo caso, prima la maglia e poi il gettato).

Se invece lavoriamo in lineare dovremo fare il rovescio del lavoro e chiudere insieme le due maglie a cavallo del buco, a rovescio ritorto. Per fare il rovescio ritorto dobbiamo entrare nelle maglie da sinistra a destra prendendole dal dietro del lavoro (Foto 8) e poi chiudendole sul davanti con un rovescio (Foto 9). In questo modo il dritto del lavoro risulterà molto più ordinato e non ci saranno tracce delle maglie appena chiuse insieme.

Foto 8
Foto 9
 

 Ecco qua il risultato sul dritto. Perfetto!

 
Se non avete capito bene qualche passaggio, in questo video potete trovare tutta la spiegazione.


Esistono molte altre tecniche per effettuare i ferri accorciati e le potete trovare a questo link .

Seguimi su:

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 17 Luglio 2019

    […] ma io trovo che il rovescio semplice lasci la maglia girata e quindi un risultato meno perfetto. Clicca qua per la spiegazione completa     4 – Metodo Tedesco – In Inglese “German Short Rows” Pro: Uno dei […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.